Since 2003

Pop Gospel Choir

Blog, news e musica

del Little Gospel Choir

Un Dicembre alternativo

02 dicembre 2019

“Sei libera il weekend dell’8 dicembre?”.“Il sabato prima di Natale ci sei per una cena?”.

Si. Quest’anno si.

Per la prima volta dopo diversi anni anni, ho risposto così agli inviti di amici e colleghi intenti ad organizzare la maratona di cene, scambio regali, auguri, a te e famiglia.

Penso di aver ricontrollato l’agenda decine di volte ad ogni richiesta, con una vocina dentro che mi diceva di star dimenticando qualcosa.

Poi ho capito. Quella era la voce della Vale corista, che si è sentita smarrita senza l’arrivo del Christmas Tour, quello che di solito arrivava puntuale ogni anno. Proprio come la zia che al pranzo di Natale ti chiede quando ti sbrighi a fare figli.

Niente tunica da stirare, niente vestiti neri di ogni spessore possibile e immaginabile sempre puliti (le chiese possono essere molto fredde!), accessori, caramelle, termos, lacca, specchio, intrugli all’erisimo, propoli, e spray per la gola che non si sa mai…insomma il kit del perfetto corista LGC pronto da fine novembre!

Come avrete potuto leggere sulle nostre pagine social, infatti, quest’anno abbiamo fatto una scelta importante, decidendo di non esibirci fino alla prossima primavera.

Ed avevamo anticipato che i vostri applausi, il vostro entusiasmo ci sarebbero mancati. E soprattutto, ci sarebbe mancato il Natale insieme a voi.

E a me…sta già mancando tremendamente!

Avete presente quelle frasi inflazionate da post ricondivisi migliaia di volte del tipo “ti accorgi del valore di qualcosa solo quando non lo hai più”? Diciamo qualcosa di simile, ma meno tragico.

Il valore del Christmas Tour lo riconoso da sempre, specialmente sul palco, quando le nostre voci si uniscono ai vostri sorrisi come a dirci “grazie, c’era bisogno di un po’ di spirito natalizio”.

Ma, non posso negare che gli impegni musicali rendono solitamente Dicembre un vero tour de force. Un mese così fitto che per fortuna posso ordinare on-line “un portaspilli, un portafogli, un portafigli…qualcosa!” (cit.) all’ultimo minuto.

Tutto vero. E tutto impegnativo. Verissimo. Ma mai come quest’anno mi sento di dire che ne vale decisamente la pena.

Spesso ci sentiamo chiedere perchè lo facciamo, perchè dedichiamo anima, corpo e tempo al coro ed ai moltissimi concerti sotto Natale. E a me, basta una sola parola per rispondere: passione.

La passione che dà senso al tutto. Alla fatica, alle corse, all’organizzazione, ai compromessi. Ma anche all’adrenalina e ai brividi che solo stare sul palco riesce a dare.

Cosa mi manca di più? Essere lì, a mostrarvi il risultato di un duro anno di prove, perchè cantare il Natale, diciamocelo, è proprio bello!

E alla fine realizzo che questo mio Dicembre alternativo, non fa altro che caricarmi a molla per l’anno prossimo! Per un Christmas Tour 2020 che sarà semplicemente…una figata pazzesca!

Vale